Beni confiscati
Lettera aperta alla cittadinanza dell'assessore alle politiche per la legalità e Beni confiscati



L'assessore Gianfranco Licciardi, con delega alle politiche per la Legalità e beni confiscati ha scritto una lettera aperta rivolta a tutti i cittadini ed indirizzata in particolare alle assocaizioni di volontariato, gli enti No profit, le Onlus, le Parrocchie cittadine, le associazioni giovanili, sportive, culturali ed enti pubblici.
La lettera illustra il percorso che l'amministrazione comunale sta perseguendo per la concessione dei beni confiscati alla mafia.
L'assessore spiega come, per favorire percorsi di trasparenza e pari opportunità, si stia procedendo attraverso adeguati strumenti come il regolamento di affidamento, regole certe per tutti e massima legalità.
Licciardi ha anticipato che ci sarà un bando ad evidenza pubblica a cui potranno partecipare tutti i soggetti che avranno le caratteristiche indicate dal bando ed i cui progetti verranno valutati da una apposita Commissione di valutazione.
La nota dell'assessore si è resa necessaria per spiegare a quanti si sono mostrati scontenti di non essere indicati subito come beneficiari di uno dei beni confiscati alla mafia, i percorsi che sta seguendo l'amministrazione.
L'assessore conclude la sua lettera aperta alla cittadinanza con un appello affinché "tutta la società perbene si stringa all'Amministrazione per mostrare sostegno, e dice Licciardi "dandoci ancor di più la certezza che abbiamo intrapreso un percorso positivo nell’ottica della legalità e della trasparenza degli atti".
M.M.

Lettera aperta alla cittadinanza Assegnazione beni confiscati alla mafia nella disponibilità del Comune di Bagheria
Quando pochi mesi fa il Sindaco ritenne di conferirmi la delega Assessoriale alle “Politiche per la legalità e gestione beni confiscati ” mi sono approcciato alla problematica con un’idea ben chiara : avrei iniziato un percorso che sarebbe stato complicato ed irto di difficoltà , ma che avrei affrontato con la serenità che l’obiettivo finale da raggiungere doveva essere: restituire alla Comunità Bagherese dei beni che gli appartenevano e che per anni gli erano stati sottratti.
Tale obiettivo doveva essere raggiunto comunque all’insegna di un percorso improntato alla massima legalità e trasparenza.
Per tale motivo abbiamo deciso di dotarci degli strumenti necessari e nello specifico del Regolamento di affidamento , fissando delle regole, delle procedure per potere operare le scelte all’insegna della massima legalità e di atti massimamente trasparenti .
Di questa volontà dell’Amministrazione, non se ne è mai fatto segreto e lo abbiamo enunciato e dichiarato in tutte le sedi e con tutte le modalità a nostra disposizione.
In questi pochi mesi di presenza in questo delicato Assessorato, decine di concittadini hanno ritenuto di incontrarmi, ognuno in rappresentanza di un Ente, di una Associazione, di una Parrocchia, di una Onlus, tutti comunque a vario titolo interessati ad attività sul territorio di alta valenza sociale e/o culturale. Tutte persone degne di massimo rispetto ed ammirazione per il ruolo che svolgono nella nostra città.
Ognuno ha richiesto l’affidamento di un immobile, quasi sempre individuandolo con esattezza, frequentemente citando o ricordando impegni (sempre verbali) delle varie Amministrazioni nell’arco di tempi più o meno vicini.
Le motivazioni addotte a tali richieste sempre valide e fortemente condivisibili.
Numerose volte il bene richiesto da tanti era il medesimo.
La nostra posizione però è sempre stata la stessa, indifferentemente per ognuno : massimo rispetto per l’istanza, ma ci sarebbe stato un bando di evidenza pubblica a cui ognuno avrebbe partecipato sottoponendo alla Commissione di Valutazione la propria ipotesi progettuale.
Questa nostra posizione ha però quasi sempre, purtroppo, suscitato negli interlocutori un atteggiamento di “disappunto”.
Si è dovuto prendere atto che a fronte dei nostri buoni propositi ci si doveva confrontare, spesso, con una realtà sociale che, apparentemente, sembra non gradire che i percorsi di assegnazione possano essere incardinati su un percorso che possa vedere la massima partecipazione di tutte le entità socio-culturali territoriali e che possa vedere il leale confronto fra le varie Associazioni ed Enti con ipotesi progettuali varie, ma tutte meritevoli comunque di attenzione.
Purtroppo ci siamo confrontati con posizioni, certamente portate avanti in perfetta buona fede, in cui il proprio bisogno, le proprie necessità debbano essere ritenute prioritarie rispetto a quelle degli altri.
Questo ci ha convinto, ancor di più, che il percorso impopolare e difficile che abbiamo scelto di intraprendere è certamente la strada giusta; ogni scelta che avessimo deciso di operare, con nostra piena autonomia, sarebbe stata certamente motivo di critica.
Per un soggetto politico è certamente un atto di coraggiosa rinuncia, il privarsi della possibilità di “scegliere”, possibilità che porta anche consenso in quanto permette di selezionare i soggetti da favorire.
Noi abbiamo deciso di operare questa rinuncia, come atto di rispetto per la nostra Comunitaà, che merita certamente la massima attenzione.
In queste nostre riflessioni non vi è assolutamente alcuna volontà polemica.
Vi è invece una richiesta, un appello a tutta la società perbene a stringersi vicini alla nostra Amministrazione per farci sentire il loro sostegno, dandoci ancor di più la certezza che abbiamo intrapreso un percorso positivo nell’ottica della legalità e della trasparenza degli atti.
Siamo disponibili a confrontarci su questo argomento con tutti coloro che ce lo chiederanno; non ci sottrarremo mai al confronto sereno con tutte le varie realtà positive della nostra città .
Le nostre porte sono e saranno sempre aperte.

L’assessore alle Politiche per la legalità e gestione Beni Confiscati
Dr. Gianfranco Licciardi


Comune di Bagheria
12/02/2008




leggi altre notizie

indietro
 

Copyright 2003 .Realizzazione Siti - A cura di Juan Carlos Ghioldi e il Comune di Bagheria. Foto di Annalisa Nisi.
Le informazioni fornite dal Comune di Bagheria sono riprodotte solo a scopo informativo e non se ne assicura la rispondenza al testo della stampa ufficiale, cui solo � dato valore giuridico. Non si risponde, pertanto di errori, inesattezze ed incongruenze dei testi qui riportati n� di differenze rispetto al testo ufficiale, in ogni caso dovuti a possibili errori di trasposizione.
 
 
Sedo - Buy and Sell Domain Names and Websites project info: bagheria.org Statistics for project bagheria.org etracker® web controlling instead of log file analysis